Ogni mamma possiede un insieme di frasi che usate al momento giusto possono semplificare la vita: dalle classiche alle perle filosofiche

La lingua speciale delle mamme è un idioma del tutto originale, e viene trasmandato di bocca in bocca da una madre all'altra.

Non è un alfabeto ricchissimo ma è composto generalmente da circa un centinaio di frasi: ed è proprio tutto questo che consentirà alle madri di superare i primi diciassette anni di vita dei propri figli.

Le classiche

questa cosa farà più male a me di quanto ne faccia a te.
quando crescerai, mi ringrazierai per essere stata tanto severa.
vedremo.
non parlare con la bocca piena. rispondi!
lo faccio perché ti voglio bene.
non importa, lo faccio io.
non parlo più con te.
le bugie hanno le gambe corte.
inutile piangere sul latte versato.
credi proprio a tutto quello che ti dicono?
tieni le mani a posto.

Sull'età dei figli

perché non cresci?
un giorno sarai vecchio anche tu.
non si torna giovani.
crescerai, crescerai! quando avevo la tua eta...
quando comincerai a comportarti per gli anni che hai?
comincerò a trattarti da adulto quando ti comporterai come tale.
sarai sempre il bambino della tua mamma.

Tecniche per far venire i sensi di colpa

tutto questo buon cibo che hai lasciato sul piatto, lo mandiamo ai poveri, ok?
vuoi che la mamma se ne vada e non torni mai più?
a dormire con i cani, si prendono le pulci.
mi farai morire giovane.
è l'ultima volta che te lo chiedo.
non ti chiediamo di non sposarti, ti chiediamo solo di aspettare.
così impari a non ascoltare

Grandi scappatoie

aspetta di avere figli tuoi!
credi che io sia nata ieri?
continua a non ascoltare e sentirai
basta! Ti mando in riformatorio.
dove ho sbagliato?
perche proprio a me, signore?

Perle filosofiche

ti sei rifatto il letto? adesso dormi.
può darsi che non ti capisca sempre, ma ti ascolto sempre volentieri.
che cosa può fare una madre più che soffrire?
la prima volta, pazienza, ma la seconda no.
se il tuo amico si buttasse in un pozzo tu lo seguiresti?
se cadi da quell'altalena e ti rompi una gamba, poi non correre da me.